mercoledì 22 maggio 2019

Concorso "Genova nel Cuore"


Le Classi Prima, Seconda e Terza della Sezione C Indirizzo Musicale della Scuola Secondaria di Primo Grado “F. Casorati”, coordinate dall’insegnante di Religione Cattolica Prof.ssa Maria Cristina Lanfranchi, hanno partecipato al Concorso Nazionale “Genova nel Cuore” indetto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca in collaborazione con la Regione Liguria, in seguito al tragico accadimento del crollo del Ponte Morandi che ha colpito la città di Genova e ha scosso l’intero Paese. La Commissione esaminatrice, visti l’impegno e la qualità degli elaborati (disegni e video) ha dichiarato tutti i lavori vincitori ad honorem inviando all’Istituto Comprensivo di Via Scopoli Attestato di Partecipazione al Bando Nazionale di Concorso in cui si evidenzia come tale partecipazione abbia contribuito a far maturare negli alunni la consapevolezza e l’importanza del senso di comunità, dell’impegno civico e della solidarietà.



venerdì 12 aprile 2019

Cyberbullismo: i ragazzi insegnano

Gli alunni della secondaria di I grado tengono una lezione ai loro "colleghi" della scuola primaria di Montebolone sul cyberbullismo e sui comportamenti corretti in rete.



giovedì 11 aprile 2019

L'ensemble Palisander in concerto presso la nostra scuola

Coinvolgente, insolito, stupendo: ecco tre aggettivi per definire il concerto che il gruppo “PALISANDER”, in collaborazione con il Collegio Ghislieri di Pavia, ha proposto agli alunni di alcune classi del nostro I.C. Lunedì 1 Aprile.
Le 4 giovanissime ragazze (tre londinesi ed una irlandese) si sono presentate con grandi valigie dalle quali sono spuntati flauti di dimensioni e forme particolari.
I ragazzi (e gli insegnanti) sono rimasti a bocca aperta nel vedere il flauto contrabbasso (alto 2,20 metri, dotato di una canna ritorta ed un bocchino, altrimenti sarebbe impossibile suonarlo!), il flauto basso ( a forma di L), il sopranino ( oltre ai più conosciuti soprano e alto) ed un flauto piccolissimo i cui fori sono disposti in modo opposto, altrimenti le dita non ci starebbero!
Cosa dire poi del repertorio: fantastico e molto diversificato.
Le flautiste hanno spaziato da danze cinquecentesche, a Vivaldi, a trascrizioni di autori classici ( scritte da loro stesse, come “RECORDER REVOLUTION” di Vivaldi, arrangiato per 4 flauti), a brani contemporanei, di cui uno appositamente composto per questo ensemble in cui le potenzialità dei flauti sono state esaltate al massino: suoni strani, rumori, parole sussurrate, declamate polifonicamente e molto altro, hanno catturato l’attenzione del pubblico che è rimasto incredulo, piacevolmente sorpreso e anche divertito.
Davvero sorprendenti e bravissime!!!
I ragazzi hanno poi interagito con le musiciste ponendo loro domande curiosissime, da cui è emerso (tra le altre cose) che l’amore per il flauto è nato in tutte nel corso della scuola primaria, dove hanno iniziato a suonarlo all’età di sei anni (proprio come è ormai pratica abbastanza comune anche nelle nostre scuole).
Miriam (una delle componenti di Palisander) ha poi assistito ad uno spettacolo analogo a quello proposto (quando aveva dodici anni) e da questa esperienza è nata quindi l’idea di realizzarlo. 
Gli studi sono poi proseguiti finchè si sono incontrate al collage e hanno deciso di iniziare a suonare questi flauti diritti inventandosi un progetto assolutamente particolare, che hanno proposto non solo nei paesi europei, ma anche in Russia, Giappone ed Israele.
Hanno un obiettivo: mostrare le infinite possibilità del flauto dolce spaziando dalla musica barocca a quella più “DIVERTENTE” (per usare un loro termine).
Insieme ai flauti moderni hanno mostrato le copie dei corrispondenti strumenti antichi, spiegando che questi ultimi sono caratterizzati da fori più ampi, suoni più importanti e sono costruiti con un solo pezzo di legno, mentre quelli moderni sono costituiti da più pezzi e quindi sono smontabili.
L’ensemble “PALISANDER” lavora con “EEEMERGING” realtà nata nel 2014 grazie all’impegno di 8 partners che, grazie a finanziamenti europei, ha come obiettivo quello di scoprire e valorizzare giovani (e giovanissimi) musicisti, dando loro la possibilità di studiare e suonare in diversi paesi europei.
In questo lasso di tempo sono stati supportati 25 ensembles, 170 concerti, 70 residences (i ragazzi vengono ospitati da diversi enti per alcuni giorni in cui studiano e si confrontano con diverse realtà; a Pavia il gruppo “PALISANDER” si fermerà una settimana presso il Collegio Ghislieri).
Ulteriore obiettivo di Eeemerging è di estendere la rete alfine di arrivare anche in Spagna, Polonia e Repubblica Ceca, proseguendo nell’intento di migliorare e ampliare i progetti rivolti ai musicisti emergenti.

Un song contest sotto il segno di eTwinning

A questo nuovo progetto eTwinning partecipa la classe 1C della secondaria di I grado "Casorati", in collaborazione con il prof. Re. Una fantastica gara canora per valorizzare ancora di più l'inglese come lingua franca.
Vi ricordiamo che il nostro IC è ufficialmente, da quest'anno, una scuola eTwinning.


venerdì 15 marzo 2019

Campionati regionali di corsa campestre - Finale

Ottima prestazione delle nostre ragazze alla finale regionale di corsa campestre. Sesto posto di squadra su una trentina di istituti lombardi. 22° Vittoria Spagoni, 23° Lucia Piccio, 37° Michelle Callè, 72° Matilda Carta su 112 arrivate.


Nuove soddisfazioni dal nostro Orto

Il piccolo orto del plesso di via Volta ci dà molte soddisfazioni. Ecco un articolo dalla Provincia Pavese del 6 marzo.





mercoledì 6 marzo 2019

Andare a bottega dai grandi artisti: la lezione delle copie

La copia di un'opera d'arte è la prima chiave per viverla da dentro. I ragazzi della 3I della secondaria di I grado si sono cimentati con importanti opere del tardo Ottocento e del Novecento. Con quali risultati!
















mercoledì 27 febbraio 2019

Progettazione e realizzazione

Lo studio di uno strumento musicale è una cosa seria: a scuola proviamo ad insegnare agli alunni ad essere maestri di se stessi, spingendoli a creare e monitorare autonomamente semplici ambienti di apprendimento. Questa foto sulla relazione tra progettazione e realizzazione è stata scattata nel progetto "Il palco? Un gioco da ragazzi" della secondaria di I grado (indirizzo musicale).